Pagina:Antigone.djvu/34

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ATTO SECONDO. 249


Pur l’orribil divieto; e s’io non era, 170
Mai calpestato non l’avria. Delitto
É di chi’l pensa: a chi l’ordisce spetta
La pena ....

Antigone.

     A lei fè non prestar: pietade
La fà mentir inopportuna, e vana.
Di furto, è ver, pos’ella il piede in questa 175
Reggia; ma non sapea la cruda legge.
Me quì cercava; e timida, tremante
La fatal urna dell’amor suo dolce
Chiedea da me. Vedi, se in Argo giunta
Dell’inuman divieto era la fama. 180
I’non vo’dir, che già non t’odiass’ella;
(Chi non t’odia?) ma pur di te temea.
Da te fuggir coll’ottenuto pegno
Del cener sacro; agli occhj tuoi sperava,
Semplice troppo, ella sottrarsi, e in Argo 185
Gli amati avanzi riportar._ Non io,
Non io così, che al tuo cospetto innante