Pagina:Antigone.djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
262 A N T I G O N E


L’amo; e assai più che la mia vita l’amo.
E pria che tormi Antigone t’è forza
Tormi la vita.

Creonte.

        Iniquo Figlio! Il Padre
Ami così?

Emone.

   T’amo quant’essa; e il Cielo 70
N’attesto.

Creonte.

    Ahi duro intoppo! Inaspettato
Colpo mortal porti al paterno core.
Fatale amor al mio riposo, al tuo,
E alla gloria d’entrambi! Al mondo cosa
Non ho di te più cara.... Amarti troppo 75
É il mio delitto solo... E tal men rendi
Tu guiderdon? Ed ami; e preghi, e vuoi
Salva Colei, che il mio poter deride;
E me dispregia, e dirmel’osa; e in seno
Cova del Trono ambiziosa brama: 80
Di questo Trono, oggi mia cura in quanto