Pagina:Antigone.djvu/58

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ATTO TERZO. 273



SCENA TERZA

ANTIGONE, EMONE.




Antigone.

DEh! perchè sei tu di Creonte Figlio?
O, se il pur sei, che nol somigli almeno?

Emone.

Questo, che a me di vita ultimo istante
Ben sento esser, deh soffri, a te verace
Nunzio sia de' miei sensi. A me il vietava 235
Del crudo Padre la presenza. Or sappi
Per mia discolpa, che il rifiuto forte,
E il tuo sdegno più forte, io, di te stessa
Più lo commendo, e ammiro. A lento foco,
Pria che osartela offrir, questa mia destra 240
Arder vogl'io. Di te mi par non degna
Più che nol pare a te. S'io t'amo, il sai;
S'io t'estimo, il saprai._ Ma intanto, oh stato
Terribil mio! non sono io pur da tanto,