Pagina:Antigone.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ATTO TERZO. 275


Emone.

                O tu, se il reo
Pensier di morte in te fisso è cotanto,
Sol che il sospendi prego. I' non ti chieggio 260
Cosa indegna di te: ma se puoi forse,
Solo indugiando, altrui giovar, serbarti
Senza tua infamia a vita, or dì; sì cruda
Contro te stessa, e contro me sarai?

Antigone.

....Emon...nol posso...A me crudel non sono._ 265
Figlia d'Edippo io son._ di te ben duolmi;
Ma pur....

Emone.

    Ben sò: non io cagion di vita
Esser ti posso;_compagno di morte
Ti son bensì._ Ma tutti oltra le negre
Onde di stige i tuoi pietosi affetti 270
Ancor non sono: ad infelice vita,
Ma vita pur, restano Edippo, Argìa,
E il Pargoletto suo, che immagin viva
Di Polinice cresce; a cui tu sgombra