Pagina:Antigone.djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ATTO TERZO. 279


Di forsennato Figlio.

Antigone.

 Oimè! Che pensi?
Ribelle al Padre tuo?.... Sì orribil taccia330
Sfuggila ognor, o ch’io non t’amo.

Emone.

         Or nulla
Piegar ti può dal tuo fero proposto?

Antigone.

Nulla; se tu nol puoi.

Emone.

 T’appresti dunque?...

Antigone.

 A non più mai vederti.

Emone.

             In breve, il giuro,
Mi rivedrai tu quì.

Antigone.

           T’arresta. Ahi lassa!... 335
Che vuoi tu far?