Pagina:Antigone.djvu/73

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
288 A N T I G O N E


 Fatal possanza! A mie tante sventure
Ciò sol mancava, ed al mio nascer reo,
Che istigatrice all’ira atroce i’ fossi
Di Figlio contro a Padre.

Emone.

            Or me s’ascolti,
Me sol, Creonte; e non d'Atene l'armi,100
Nè il Rè ti mova; e non di Donne preghi,
Nè di Volgo lamenti: al duro tuo
Core discenda or la terribil voce
D’un disperato Figlio, a cui tu tolto
Il freno hai, tu; cui meglio era non dessi105
Vita tu mai; ma che pentir può farti
Di tal don’, oggi.

Creonte.

           Non è voce al mondo,
Che legge impor vaglia a Creonte.

Emone.

              Braccio
V’ha dunque al mondo, che 1’infami leggi
Strugger può di Creonte.