Pagina:Antigone.djvu/88

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ATTO QUINTO. 303


Oh me felice! ancor t'abbraccio. - Oh vista!
Carche hai le man di ferro?

Antigone.

                 Ove se' tratta? 15
Tosto deh! dimmi.

Argìa.

             A forza in Argo, al Padre.

Antigone.

Respiro.

Argìa.

       A vil tanto mi tien Creonte,
Che me vuol salva; ma di te....

Antigone.

               Se in voi,
Guardie, pur l'ombra è di pietà, concessi
Brevi momenti a favellar ne sieno.- 20
Vieni, Sorella, e mi rabbraccia; al petto
Che non ti posso io stringere! d'infami
Ritorte dure orribilmente avvinta,
M'è tolto....Ah! vieni, o del Fratel mio Sposa.
Ma che vegg'io? Qual pegno al cor con tanta 25