Pagina:Antigone.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ATTO QUINTO. 305


Pietose fummo alla grand’opra, or debbe
Essermi tomba; ivi sepolta viva
Creonte....

Argìa

Oh Ciel!... L’Empio... E fia ver?...

Antigone.

            La notte 45
A ciò scels’egli per timor del Volgo.
Deh! frena il pianto: or và; lasciami; fine
In me così la Prole avrà d’Edippo:
Io non men dolgo; ad espiar del mio
Sangue i cotanti orribili delitti50
Bastasse pur mia lunga morte!

Argìa

                Ah! teco
Divider vo’ ‘l fero supplicio; il tuo
Coraggio addoppia il mio; tua pena in parte
Fia scema forse....

Antigone

           Oh! Che dì tu? Più grave
Mille volte saria.