Pagina:Antigone.djvu/91

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
306 A N T I G O N E


Argìa

                 Morendo insieme,55
Potremmo almen di Polinice il nome
Profferire; esortarci, e pianger...

Antigone.

                    Taci....
Deh! non mi far di nuovo pianger... prova
Ultima or fò di mia costanza.- il pianto
Frenar non posso....

Argìa

         Ahi lassa me! Salvarti 60
Ch’io non ti possa?... e non morir?...

Antigone.

                       Nol dei:
D’Edippo tu Figlia non se’; non ardi
Di biasmevole amor; com’io non ami
Dell’uccisore, e sperditor de’ tuoi
L’unico Figlio. Ecco il mio fallo; il deggio 65
Sola espiar. — Tutto ben sento, or tutto,
Emon, l’amor, che ti portai: ben sento
Il dolor tutto, che ti lascio.- A morte
Vadasi tosto: addio, Sorella, addio.