Pagina:Apollonio Rodio - Gli Argonauti, Le Monnier, 1873.djvu/214

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
188 argonautica.

     Saltò fuori al cimento. In man si tolse
     1665Il lucido di bronzo elmo ricolmo
     De’ denti aguzzi, ed alle spalle il brando
     Sospese, e nuda ha la persona, a Marte
     Nelle forme simile e all’almo Apollo.
     Girò l’occhio su ’l campo, e il bronzeo vide
     1670Giogo de’ tauri, e col dental l’aratro
     Di saldo acciajo; indi avanzossi, e in terra
     Piantò dell’asta la ferrata punta,
     E il ripieno elmo ivi posò; poi mosse
     Con lo scudo proteso innanzi il passo,
     1675L’orme de’ tori investigando; ed ecco,
     Repente fuor da sotterranea buca,
     Ove l’orride stalle eran di fumo
     Fuliginoso in ogni parte involte,
     Quelle due fiere eruppero soffiando
     1680Vampe di foco. Ebber gli eroi spavento;
     Ma il pro’ Giasone incontro a lor piantossi
     Su gli allargati piè saldo qual rupe
     Che in mar sta immota agl’irrompenti flutti
     Nelle orrende tempeste. A sè dinanzi
     1685Parò lo scudo; e quei mugghiando a gara
     Vi cozzâr dentro con le forti corna;
     Ma nè un punto lo smossero. Conforme
     A ben costrutti mantici di cuojo
     Che alternando il soffiar nelle fornaci
     1690Fan più vivido il fuoco, e un cupo fremito
     Rombar s’ode, dal fondo uscendo il vento;
     Sì que’ feroci un rumoroso anelito