Pagina:Arabella.djvu/166

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 160 —

animata a concedere. Colto in un momento di debolezza, s’intenerì ancor di più, e mettendosi con moti frequenti a carezzare i capelli della malata, si abbandonò anche lui, per la prima volta, a darle del tu:

— Guarisci, guarisci presto, e andremo in campagna. Vedrai che bel sito! Non sei mai stata in Tremezzina? In primavera è il paese delle rose. Rose dappertutto... Anch’io ho bisogno d’andar fuori dei piedi della gente, sono un poco stracco e malato anch’io e non vedo l’ora di collocarmi in campagna a coltivare le rape e le verze...

E cercò di ridere per combattere la molle malinconia che l’assaliva da tutte le parti. Questa malinconia montava come un’acqua che scaturisce improvvisamente da una vena sconosciuta al rompersi di una roccia. Da dove derivano queste acque fredde e limpide che il passeggero incontra sulla sua strada polverosa in mezzo a un paese brullo, riarso dal sole? La natura ha i suoi misteriosi serbatoi, che mandano rigagnoli ai più lontani strati e non di rado spiccia l’acqua pura anche al disotto del fango. Sentendo che insieme all’onda refrigerante saliva qualche cosa di amaro, messo in paura o in sospetto d’una mestizia che lo conduceva a cantare delle arie di gioventù col falsetto del vecchio, spaventato all’idea che egli potesse dire una sciocchezza od una meschinità, accomodò con una certa furia distratta le pieghe del letto e soggiunse, mutando tono:

— Ho trovato un vin vecchio sincero che le farà bene: lei ne deve bere un bicchierino. Il dottore raccomanda il vin vecchio. Lo assaggi. Questo è sangue.