Pagina:Archimede reintegrato.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

(14)

ne, che vi fosse in una gran quantità d’oro si dimostra con quel che siegue. Faccisi una bilancia in forma maggiore con un regolo, che sia proporzionato a reggere una mole d’oro di libre 400., che è appunto la quantità dell’oro, di cui può supporsi essere stata fatta la corona di Jerone, e sia la longhezza di questo regolo piedi cinque, sarebbe la distanza de’ puri metalli EF oncia una; questa appunto è la differenza tra un duodecimo, ed un vigesimo del mezzo regolo CA, o CB, ed acciò le divisioni da notarsi nel riferito spazio EF siano capaci per adattarci sopra la grossezza dell’oncino G. proporzionato a reggere un contrapeso di libre 400. è necessario intaccarli d’una sensibile larghezza; onde il riferito spazio EF fatto di oncia una non credo, che possa esser capace più di venti divisioni; intanto, se nell’oro sudetto di libre 400. vi foste mescolata la somma di una infino a 19. libre d’argento, con la bilancia soprascritta non potrebbesi conoscere la mistione; attesocchè se il contrapeso D pendesse dalla divisione decimanona, come nel punto T diremo (colla dottrina del Galileo essere nel


mi-