Pagina:Archivio Glottologico Italiano, vol.14, 1898.djvu/34

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
24 Parodi,

Item che per lo Segnor Rey secreta menti sea dayto in tractao a lo nostro sindico presente lo modo e la condicion de quele terre, chi seam pu afabel a deueir conquistar, e unde lo galee poessem meio auer reducto e refrescamento, per pu segurtae de le dicte galee; e ancor quae sum quele terre, donde elo a pu amixi, eciamde quar sum quelle le quae pu lengeramenti se porream inuagir. E questo digamo per pusor raxon. La primera si e che quando de vegnua se inuagisse un logo, li altri se inuagissem poa pu lengeramenti. L’atra raxon si e, che possando tosto inuagir un logo e speciarmenti cum galee, se eli s’apayran de proueir, monto e poa grande afano in star in proa cum galee, como manifesta menti se sa, sea per li temporai, sea per le grande speyse che menna galee, e per altre raxon asay, chi se porrean dir. Per che à meste che queste cose se fazan cum grandissimo ordem e secreto, e che la caualaria fose asi tosto alo opoxito, como le galee se demostrasem, o forsa auauti se mostrase la caualaria, mostrando de dar atento a un logo, per ferir sagazamenti a un altro.

Semo contenti che ogni terra che tenen li Venecian sea de lo Rey, romagnando noy franchi e liberi in lo so tegney. La roba e li prexon conquista per le galee, sea de le galee. La roba conquista cum l’oste de terra e cum le galee inseme, sea per meitae.

Se per auentura fazando questa ligha elo requerise tempo, questo lasemo a uoy. Semo contenti alo pu longo per agni doi, e per questo tempo semo contenti de no far paxe, fim a doi agnj, senza soa voluntae; e questo poi prometer seguramenti, e da li auanti no, et versa vice.

Semeieyuer menti abia per inimixi li Catalan et sequaces ipsorum.

Item ne sea in memoria de aregordar a lo segnor Rey, de defender che li mercanti toeschi no zeyssen a Venexia. In questo inprincipio ne serea grandissimo fauor.



N. 3. — Lettera del Capitano e Luogotenente Del Verme all’ammiraglio di Turchia.

20 novembre MCCCLVIII

[Dall’originale, nell’Archivio di Stato genovese, cod. 5 San Giorgio, intitolato: ‘Regulae Comperarum Capituli’, f. 304 b. ]1


A l’aoto e magnifico et possente Segnor honoreyue frae nostro e de lo honorao Comun de Zenoa messer Orcham, grande armiraio de la Turchia, lo quar lo Segnor Dee lo mantegna in grande honor et possanza, sicomo voi dexirai. Noi si receuemo le vostre lettere, faite in Nichia, a di vinti doi de lo meise passao de Setembre, per le quae letere noi vimo et cognoscemo la vostra sanitae e lo bon stao; de la2 quar cossa noi auemo grande alegreza, sicomo de nostro frai e chi e stao payre de li nostri de Peyra, e speremo che cossi serei da chi auanti


  1. * Questa carta fu già pubblicata dal Lobero, Memorie storiche della Banca di S. Giorgio, p. 22, e poi, seguendo il Lobero, dal canon. Olivieri nell’introduzione al suo dizionario genovese. La poca accuratezza dei miei due predecessori mi consigliò questa ristampa.
  2. le.