Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 12 (1870).djvu/330

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
36 delle antiche relazioni

[E fugge in Francia col doge Pietro Orseolo I.] Era la notte del 1.° settembre dell’anno 978, e trovati i cavalli a S. Ilario insieme fuggono in Francia al monastero di S. Michele nell’Aquitania. Tre anni sta con Romualdo il santo doge, specchiandosi nelle vite de’ Padri e coltivando di sua mano la terra da cui traeva alimento. Torna poscia Romualdo a Venezia, ed a Marino suo maestro di penitenza, e con lui vive alquanto nell’isola di S. Michele a Murano.

Cento e vent’anni rimase Romualdo nel mondo, di cui cento nella religione. Fondò il monastero di S. Adalberto e l’ordine Camaldolese. Umile innanzi a Dio mantenevasi franco d’ogni soggezione umana. Ottone III giovinetto andò a lui di persona nell’isola del Pereo e tutta notte rimase nella sua cella pregandolo ad accettare la dignità di abate di Classe, fu cortesemente ricevuto, riaccompagnato a Ravenna, ma fu obbedito. Cedette poscia Romualdo alle istanze dei Vescovi allora adunati in Ravenna, ma presto si partì dal cenobio di Classe, stomacato dalla rilassatezza di que’ monaci ai quali l’austerità di Romualdo sembrava d’incomportabile peso. E nel monastero di Classe invaghito per le parole di Romualdo della contemplazione delle cose celesti, paventando il finale giudizio nell’anno millesimo, fra divote pratiche ed aspre penitenze lungamente si tratteneva l’imperatore Ottone, il quale oramai per più poco avea a travagliarsi fra le vicende terrene, che nel 1002, forse per veleno periva a ventidue anni.

E perchè sono venuto a parlare de’ grandi uomini che furono intorno al mille, e di questo illustre principe, ricorderò quel Gerberto suo maestro, cui la perizia della meccanica fece credere negromante alle ignorantissime moltitudini d’allora, e che fatto arcivescovo molto bene meritò della Chiesa ravennate come poscia della universale, quando fu eletto papa col nome di Silvestro II. Era poi Gerberto morto di poco, ed avvicinandosi al centesimo anno di sua vita s’affievoliva