Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 13 (1871).djvu/278

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
274 rassegna bibliografica

di re Carlo in Capua (e da esso re approvato nel marzo del L267), dello somme che il detto Angelo aveva riscosse e pagate, per mandato di Manfredi Maletta già camarlingo di re Manfredi, nelle province di Principato, Terra di Lavoro e Abruzzo, dal primo di settembre 1265 al 25 febbraio successivo. Sono notate in questo documento distintamente tutte le partite d’entrata e d’uscita, in denaro, vettovaglie, armi, bestie e altre cose; e ne risulta in somma un disavanzo, a favore del percettore, di centoventisei once d’oro, otto tarì e diciannove grani: e da questo si può intendere in che povere condizioni re Carlo trovasse il pubblico erario. E però si sforzò di ricercare e di esigere, quanti più potè, i residui dei crediti dello stato del tempo di Manfredi: cosi, ai 6 di gennaio 1267, commise a tre suoi ufficiali di riscuotere tutto il denaro rimasto nelle mani dei collettori e percettori del fu Manfredi olim principis tarantini, nel giustizierato degli Abruzzi, nell’anno della nona indizione, cioè dal primo di settembre 1265 al primo di settembre 1266 (I, 84)1. E due giorni appresso scrisse a Folco di Poggio Riccardo, giustiziere in Sicilia, di prestare aiuto a maestro Pietro de Manchevilla cherieo, incaricato dal re di riscuotere dai sindaci dei comuni di Sicilia e di Calabria gli arretrati che essi dovevano, in non modica pecunie quantitate, a Orlando d’Amico, per la gabella della zecca di Messina, amministrata da esso Orlando negli anni della VI, VII e VIII indizione, cioè del 1.° settembre 1262 al 1.° settembre 1265 (I, 86)2. Di gravezze nuovamente

  1. Nota il Del Giudice (tomo I, Pref., a pag. xxv), che i registri " della cancelleria angioina di Napoli comprendevano per lo più un intero anno secondo l’indizione costantinopolitana, cioè dal l.o di settembre di un anno al 1.° di settembre dell’altro anno. Imperocchè, quantunque nelle carte di cancelleria sovrana degli Angioini presso che sempre non si nota che l’anno volgare a circumeisione (non trovandosi quasi nessun diploma segnato coll’anno pisano o fiorentino), pur tuttavia l’anno civile, per dir cosi, cominciava dall’indizione; e quindi i conti dei giustizieri, erarii. ed altri ufficiali, davansi dal l.o settembre in poi, le gabelle dal l.° settembre di ciascun anno si esigevano, e dal 1.° settembre s’iniziavano i pagamenti coi mandati del re e dei grandi dignitari dello stato».
  2. Vogliamo pure citare i due seguenti documenti, relativi a riscossioni di crediti: - 1266, dicembre 17. Il re costituisce due procuratori a ri-