Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/106

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
86 la loggia di or' san michele

bondanza del guadagno corrompeva il comune corso del ben vivere; pensarono che più utile era, raffrenare lo ingrato e sconoscente popolo la carestia, che la dovizia. E allora si rimase coperto d’un basso tetto l’edificio del palagio d’Or san Michele, e cioè nel 1350»1. E possiamo affermare due cose; che non prima del 1360 si cominciò a costruire i piani superiori e – che non abbiamo potuto trovare nessuna memoria, nessun documento comprovante l’ipotesi generalmente creduta, che le vaste e belle sale del secondo e terzo piano fossero mai state usate come magazzino delle provvisioni del grano. Ci vuol coraggio a pronunziare tale parola, ma è il coraggio della verità, che non ci verrà mai meno.

Nel 1360 però, notisi bene, non si fece più il mercato sotto la loggia; perchè già nel 1357 il Comune di Firenze ebbe «in Christi nomine» ordinato, che, essendo quasi compiuto il bellissimo oratorio dell’Orcagna sotto la loggia, alla cui bellezza disconverrebbe il carattere di mercato pubblico, questo fosse traslocato in altro luogo2.

Quando finalmente si continuò l’inalzamento dell’edifizio, fu murata pure la piccola scala, collo staio scolpito sopra l’ingresso, la quale, scavata nel famoso pilastro angolare, forma l’unico accesso ai piani superiori, appartenente propriamente alla fabbrica. Questa scaletta, adesso non praticabile perchè murata, non eccede in nesssun punto la larghezza di 76 centimetri, e facendo molteplici giri, sarebbe stata un’assoluta impossibilità di passare per essa con un sacco pieno in ispalla; non avrebbe potuto servire che per gli uomini, i quali saliti, avessero tirato su i sacchi di grano per mezzo di un argano, collocato fuori delle finestre. Ma per quanto attentamente abbiamo esaminato le pietre sopra e sotto e accanto alle finestre, non se ne vede nessuna sporgente, o

  1. M. Villani, Cronica, libr. I, cap. 57.
  2. Provvisioni del Comune di Firenze, s. v. Registro 45 - data del 27 Aprile 1357.