Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/149

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ANEDDOTI E VARIETÀ



Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891) (page 149 crop).jpg

(mm. 63 × 40)


FRATE MANSUETO PSEUDO-VESCOVO ARETINO

(1329-1330).


Mi dà motivo a rendere pubbliche queste notizie su frate Mansueto, e sul tempo del suo falso episcopato, il sigillo qui sopra riprodotto, oggi posseduto dal signore Stefano Bardini antiquario in Firenze, il quale ignora ove sia stato rinvenuto.

A prima vista si giudica fatto nei primordi del 1300 e per lo stile con cui sono condotte le figure e per la forma delle lettere che attorno si leggono. Infatti i dati storici confermano un tale giudizio, inquantochè il sigillo appartenne a quel Mansueto frate minore, che illegittimamente, contro l’assenso di Giovanni XXII, occupò l’episcopato aretino dal 1329 al 1331.

Sotto la solita edicola sono figurati due santi; Giovanni Battista, sostenente colla mano sinistra un breve cartello su cui sta scritto all’inverso ecce agnus, e l’Evangelista che tiene aperto con ambe le mani un lungo foglio, dove appena leggesi in principio. Tra l’uno e l’altro una croce vescovile. Inferiormente vediamo la figurina del presule che indossa la tunica monacale, genuflesso, in atto di pregare, stringendo tra le palme il pastorale e rivol-