Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/306

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
286 ricerche

che il suo De vita gestisque Sfortiae abbia «suscitato la gelosia e provocato le velenose invettive» dell’autore della Sforziade, ma egli confonde un po’ troppo al riguardo tempi e cose1. A sentire il Filelfo2, Lodrisio e Giovan Mario, figlio dello stesso messer Francesco, sarebbero un giorno venuti in corte a disputa prima cortese, poi, come suole avvenire, acerbissima, e il primo sarebbe stato superato dal secondo; donde le ire. Ma se il dissidio e l’inimicizia insorta tra il Crivelli e Giovan Mario Filelfo possono valere a spiegare la lotta anche col padre di quest’ultimo, non possono ancora spiegare la disgrazia di Lodrisio: Francesco Filelfo, per quanto riputato a’ suoi tempi e caro al Duca di Milano, non era per niun modo in grado di far cadere in disgrazia direttamente un segretario e cancelliere del medesimo. L’umanista tolentinate può aver contribuito alla rovina dell’avversario, ma non averla cagionata da solo. Egli stesso accenna ad uno scandalo succeduto in casa di Luigi Grotti, ad un preteso furto di Lodrisio e ad una falsa deposizione

  1. Egli collega la «gelosia» del Filelfo per l’opera del Crivelli sugli Sforza, che dimostrai scritta dopo il 1460, coll’accettazione del segretariato apostolico nel 1458 e subordina questa a quella!
  2. Epist., XXVI, 1: «Devenisti tandem ad filium Marium. Es ne oblitus quem Marium loquor? Nunc sane Marium filium meum, Leodrysi, qui te perinde ac Marsyam illum, quem poetae fabulantur, praesente hoc nostro magnanimo et sapientissimo principe universaque aula ducali, in frequenti nobilissimorum virorum et civium et peregrinorum multitudine, inscitiae tuae velamine, quasi cerio, Inter disserendum exuerit, nudaverit et nimio verecundiae robore veluti excoriaverit, quippe qui non modo proloqui, aut saltem verba frangere, sed ne hiscere quidem posses, ut qui, pro nimio stupore sensus magnitudineque vecordiae, in saxum, quasi Nyobe, versus videreris. Hanc tu ignominiam es vocare et queri solitus. Sed quid aliud fuit in causa quam audacia stulticiaque tua? qui volueris graeculus in certamen cum aquila descendere. Nam Pii distichum, quod stultissime inducis, «Pro numeris numraos vobis sperare poetae. Mutare est animus, carmina non emere», non in Marium Philelfum, sed in Antonium Pontanum Pius luserat, multo ante quam Marium vidisset . . . Marius vero humaniter a Pio exceptus est et honorifice . . . Quae igitur in disserendo contentio tibi fuerat cum Mario filio maximo cum tuo dedecore ea te non ab ilio solum, sed a nobis quoque, qui quandoquidem tuas paries contra filii innocentiam tuebamur, alienavit».