Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/352

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
332 il libro di antonio billi


Nella architettura, ha composte tante altre cose, fuori del modello della nuova sagrestia di s.to Lorenzo, dove si potrebbe dire, che nella maggiore parte habbia auto esemplo dalla vechia fatta in decto s.to Lorenzo, ordinata insieme con la chiesa da Filippo di ser Brunellescho; non dimeno si conoscie quanto negli edifitii fatti |fo. 51v] da lui esso vi habbia giuditio maraviglioso, et conmendare da lui le cose fatte bone et con ragione, et i manchamenti conosciere in esse, et renderne chiara et ampia ragione, et nello havere praticha in tutte le cose, et come il giuditio et parere suo tutti gli altri buoni architetteri fa taciere.

Nella scultura si vede andarsi acostando a quei maestri antichi, et soprafare i moderni. Si vede di lui in Roma infra le altre cose una Pietà di marmo da fare stupire tutti gli intelligienti; et assai altre figure di marmo.

Et nella sagrestia di s.to Lorenzo di Firenze maravigliose et stupende opere, con la Libreria di decta chiesa. Voglio lasciare stare il Davitte di marmo in piaza avanti fa porta del Palazo de Signiori, et tante altre opere miracolose da lui fatte, per non fare stupire gli audienti.




Annotazioni al precedente testo

del Cod. Magliabechiano XIII, 89 (Codice Petrei).



(Brunelleschi.)

(1) Nella riproduzione del testo ci siamo attenuti strettamente all’originale, sciogliendo bensì le abbreviature, e riordinando la interpunzione: in parentesi abbiamo aggiunto, dove ci è parso necessario, l’emendazione di sbagli fatti dal copista.

(2) Paolo del Pozzo Toscanelli, che dal Manetti e sulle orme di questi anche dal Vasari vien annoverato fra gli amici intimi del Brunelleschi.

(3) Nome dato al Ghiberti per il suo patrigno Bartolo o Bartoluccio di Michele.

(4) Questa notizia, riportata pure dal Vasari, non è affermata nè dal Manetti nè dai documenti riguardanti il concorso pei modelli della lanterna del Duomo. (Vedi Vasari, ediz. Milanesi, t. II, p. 363. È questa la edizione alla quale si riferiscono sempre le nostre citazioni).

(5) Nessuno degli altri biografi del Brunelleschi che attinsero notizie dal libro di Antonio Billi (Vasari e l’Anonimo Gaddiano) accenna alla circostanza, che la statua del Brunelleschi sia stata fatta a con-