Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/124

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
118 canto


52
     Or tu che sei per non usata via,
signor, venuto all’isola fatale,
acciò ch’alcuno amante per te sia
converso in pietra o in onda, o fatto tale;
avrai d’Alcina scettro e signoria,
e sarai lieto sopra ogni mortale:
ma certo sii di giunger tosto al passo
d’entrar o in fiera o in fonte o in legno o in sasso.

53
     Io te n’ho dato volentieri aviso;
non ch’io mi creda che debbia giovarte:
pur meglio fia che non vadi improviso,
e de’ costumi suoi tu sappia parte;
che forse, come è differente il viso,
è differente ancor l’ingegno e l’arte.
Tu saprai forse riparare al danno,
quel che saputo mill’altri non hanno. —

54
     Ruggier, che conosciuto avea per fama
ch’Astolfo alla sua donna cugin era,
si dolse assai che in steril pianta e grama
mutato avesse la sembianza vera;
e per amor di quella che tanto ama
(pur che saputo avesse in che maniera)
gli avria fatto servizio: ma aiutarlo
in altro non potea, ch’in confortarlo.

55
     Lo fe’ al meglio che seppe; e domandolli
poi se via c’era, ch’ai regno guidassi
di Logistilla, o per piano o per colli,
sí che per quel d’Alcina non andassi.
Che ben ve n’era un’altra, ritornolli
l’arbore a dir, ma piena d’aspri sassi,
s’andando un poco inanzi alla man destra,
salisse il poggio invèr la cima alpestra.