Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/157

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ottavo 151


16
     Li rimandò Melissa in Ior paesi,
con obligo di mai non esser sciolto.
Fu inanzi agli altri il duca degl’inglesi
ad esser ritornato in uman volto;
che ’l parentado in questo e li cortesi
prieghi del bon Ruggier gli giovar molto:
oltre i prieghi, Ruggier le diè l’annello,
acciò meglio potesse aiutar quello.

17
     A’ prieghi dunque di Ruggier, rifatto
fu ’l paladin ne la sua prima faccia.
Nulla pare a Melissa d’aver fatto,
quando ricovrar l’arme non gli faccia,
e quella lancia d’or, ch’al primo tratto
quanti ne tocca de la sella caccia:
de l’Argalia, poi fu d’Astolfo lancia,
e molto onor fe’ a l’uno e a l’altro in Francia.

18
     Trovò Melissa questa lancia d’oro,
ch’Alcina avea reposta nel palagio,
e tutte l’arme che del duca fòro,
e gli fur tolte ne l’ostel malvagio.
Montò il destrier del negromante moro,
e fe’ montar Astolfo in groppa ad agio;
e quindi a Logistilla si condusse
d’un’ora prima che Ruggier vi fusse.

18
     Tra duri sassi e folte spine giá
Ruggiero intanto invêr la fata saggia,
di balzo in balzo, e d’una in altra via
aspra, solinga, inospita e selvaggia;
tanto ch’a gran fatica riuscia
su la fervida nona in una spiaggia
tra ’l mare e ’l monte, al mezzodi scoperta,
arsiccia, nuda, sterile e deserta.