Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/257

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

canto duodecimo 251


28
     Ma il Circasso depor, quando le piaccia,
potrá, se ben l’avesse posto in cielo.
Questa sola cagion vuol ch’ella il faccia
sua scorta, e mostri avergli fede e zelo.
L’annel trasse di bocca, e di sua faccia
levò dagli occhi a Sacripante il velo.
Credette a lui sol dimostrarsi, e avenne
Ch’Orlando e Ferraú le sopravenne.

29
     Le sopravenne Ferraú et Orlando;
che l’uno e l’altro parimente giva
di su di giú, dentro e di fuor cercando
del gran palazzo lei, ch’era lor diva.
Corser di par tutti alla donna, quando
nessuno incantamento gli impediva:
perché l’annel ch’ella si pose in mano,
fece d’Atlante ogni disegno vano.

30
     L’usbergo indosso aveano e l’elmo in testa
dui di questi guerrier, dei quali io canto;
né notte o dí, dopo ch’entraro in questa
stanza, l’aveano mai messi da canto;
che facile a portar, come la vesta,
era lor, perché in uso l’avean tanto.
Ferraú il terzo era anco armato, eccetto
che non avea, né volea avere elmetto,

31
     fin che quel non avea, che ’l paladino
tolse Orlando al fratel del re Troiano:
ch’allora lo giurò, che l’elmo fino
cercò de l’Argalia nel fiume invano:
e se ben quivi Orlando ebbe vicino,
né però Ferraú pose in lui mano;
a venne, che conoscersi tra loro
non si potèr, mentre lá dentro fòro.