Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/283

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

canto terzodecimo 277


36
     Lo stizzone ambe le palpèbre colse,
ma maggior danno fe’ ne la sinistra;
che quella parte misera gli tolse,
che de la luce, sola, era ministra.
Né d’acciecarlo contentar si volse
il colpo fier, s’ancor non lo registra
tra quelli spirti che con suoi compagni
fa star Chiron dentro ai bollenti stagni.

37
     Ne la spelonca una gran mensa siede
grossa duo palmi, e spaziosa in quadro,
che sopra un mal pulito e grosso piede,
cape con tutta la famiglia il ladro.
Con quell’agevolezza che si vede
gittar la canna lo Spagnuol leggiadro,
Orlando il grave desco da sé scaglia
dove ristretta insieme è la canaglia.

38
     A ch’il petto, a ch’il ventre, a chi la testa,
a chi rompe le gambe, a chi le braccia;
di ch’altri muore, altri storpiato resta:
chi meno è offeso, di fuggir procaccia.
Cosí talvolta un grave sasso pesta
e fianchi e lombi, e spezza capi e schiaccia,
gittato sopra un gran drapel di biscie,
che dopo il verno al sol si goda e liscie.

39
     Nascono casi, e non saprei dir quanti:
una muore, una parte senza coda,
un’altra non si può muover davanti,
e ’l deretano indarno aggira e snoda;
un’altra, ch’ebbe piú propizii i santi,
striscia fra l’erbe, e va serpendo a proda.
Il colpo orribil fu, ma non mirando,
poi che lo fece il valoroso Orlando.