Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/331

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

quintodecimo 325


8
     Trovò tutto il contrario al suo pensiero
in questa parte il re de’ Saracini:
perché in persona il capo de l’Impero
v’era, re Carlo, e de’ suoi paladini,
re Salamone et il danese Ugiero,
et ambo i Guidi et ambo gli Angelini,
e ’l duca di Bavera e Ganelone,
e Berlengier e Avolio e Avino e Otone;

9
     gente infinita poi di minor conto,
de’ Franchi, de’ Tedeschi e de’ Lombardi,
presente il suo signor, ciascuno pronto
a farsi riputar fra i piú gagliardi.
Di questo altrove io vo’ rendervi conto;
ch’ad un gran duca è forza ch’io riguardi,
il qual mi grida, e di lontano accenna,
e priega ch’io nol lasci ne la penna.

10
     Gli è tempo ch’io ritorni ove lasciai
l’aventuroso Astolfo d’Inghilterra,
che’l lungo esilio avendo in odio ormai,
di desiderio ardea de la sua terra;
come gli n’avea data pur assai
speme colei ch’Alcina vinse in guerra.
Ella di rimandarvilo avea cura
per la via piú espedita e piú sicura.

11
     E cosí una galea fu apparechiata,
di che miglior mai non solcò marina;
e perché ha dubbio pur tutta fiata,
che non gli turbi il suo viaggio Alcina,
vuol Logistilla che con forte armata
Andronica ne vada e Sofrosina,
tanto che nel mar d’Arabi, o nel golfo
de’ Persi, giunga a salvamento Astolfo.