Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
136 canto


96
     Dentro e d’intorno il duca la cittade
avea scorsa dai colli insino all’onde;
fatto avea vote rimaner le strade:
ognun lo fugge, ognun se gli nasconde.
Molte trovate fur, che per viltade
s’eran gittate in parti oscure e immonde;
e molte, non sappiendo ove s’andare,
messesi a nuoto et affogate in mare.

97
     Per trovare i compagni il duca viene,
che si credea di riveder sul molo.
Si volge intorno, e le deserte arene
guarda per tutto, e non v’appare un solo.
Leva piú gli occhi, e in alto a vele piene
da sé lontani andar li vede a volo:
sì che gli convien fare altro disegno
al suo camin, poi che partito è il legno.

98
     Lasciamolo andar pur — né vi rincresca
che tanta strada far debba soletto
per terra d’infedeli e barbaresca,
dove mai non si va senza sospetto:
non è periglio alcuno, onde non esca
con quel suo corno, e n’ha mostrato effetto: —
e dei compagni suoi pigliamo cura,
ch’ai mar fuggian tremando di paura.

99
     A piena vela si cacciaron lunge
da la crudele e sanguinosa spiaggia:
e poi che di gran lunga non li giunge
l’orribil suon ch’a spaventar piú gli aggia,
insolita vergogna sì gli punge,
che, com’un fuoco, a tutti il viso raggia.
L’un non ardisce a mirar l’altro, e stassi
tristo, senza parlar, con gli occhi bassi.