Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

decimosettimo 9


32
     Corron chi qua chi lá; ma poco lece
da lui fuggir, veloce piú che ’l Noto.
Di quaranta persone, a pena diece
sopra il navilio si salvaro a nuoto.
Sotto il braccio un fastel d’alcuni fece,
né il grembio si lasciò né il seno vóto;
un suo capace zaino empissene anco,
che gli pendea, come a pastor, dal fianco.

33
     Portòci alla sua tana il mostro cieco,
cavata in lito al mar dentr’uno scoglio.
Di marmo cosí bianco è quello speco,
come esser soglia ancor non scritto foglio.
Quivi abitava una matrona seco,
di dolor piena in vista e di cordoglio;
et avea in compagnia donne e donzelle
d’ogni etá, d’ogni sorte, e brutte e belle.

34
     Era presso alla grotta in ch’egli stava,
quasi alla cima del giogo superno,
un’altra non minor di quella cava,
dove del gregge suo facea governo.
Tanto n’avea, che non si numerava;
e n’era egli il pastor l’estate e ’l verno.
Ai tempi suoi gli apriva e tenea chiuso,
per spasso che n’avea, piú che per uso.

35
     L’umana carne meglio gli sapeva:
e prima il fa veder ch’all’antro arrivi;
che tre de’ nostri giovini ch’aveva,
tutti li mangia, anzi trangugia vivi.
Viene alla stalla, e un gran sasso ne leva
ne caccia il gregge, e noi riserra quivi.
Con quel sen va dove il suol far satollo,
sonando una zampogna ch’avea in collo.