Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/187

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ventesimosecondo 181


52
     Giunsero il dí medesmo, come accade,
quattro gran cavallieri ad un suo loco,
li quai di rimotissime contrade
venuti a queste parti eran di poco;
di tal valor, che non ha nostra etade
tant’altri buoni al bellicoso gioco:
Aquilante, Grifone e Sansonetto,
et un Guidon Selvaggio giovinetto.

53
     Pinabel con sembiante assai cortese
al castel ch’io v’ho detto gli raccolse.
La notte poi tutti nel letto prese,
e presi tenne; e prima non li sciolse,
che li fece giurar ch’un anno e un mese
(questo fu a punto il termine che tolse)
stariano quivi, e spogliarebbon quanti
vi capitasson cavallieri erranti:

54
     e le donzelle ch’avesson con loro,
porriano a piedi, e torrian lor le vesti.
Cosí giurár, cosí constretti fòro
ad osservar, ben che turbati e mesti.
Non par che fin a qui contra costoro
alcun possa giostrar, ch’a piè non resti:
e capitati vi sono infiniti,
ch’a piè e senz’arme se ne son partiti.

55
     È ordine tra lor, che chi per sorte
esce fuor prima, vada a correr solo:
ma se trova il nimico cosí forte,
che resti in sella, e getti lui nel suolo,
sono ubligati gli altri infin a morte
pigliar l’impresa tutti in uno stuolo.
Vedi or, se ciascun d’essi è cosí buono,
quel ch’esser de’, se tutti insieme sono.