Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/291

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ventesimoquinto 285


12
     Giungean da l’una parte i Maganzesi,
e conducean con loro i muli carchi
d’oro e di vesti e d’altri ricchi arnesi;
da l’altra in mezzo a lance, spade et archi,
venian dolenti i duo germani presi,
che si vedeano essere attesi ai varchi:
e Bertolagi, empio inimico loro,
udian parlar col capitano Moro.

13
     Né di Buovo il figliuol né quel d’Amone,
veduto il Maganzese, indugiar puote:
la lancia in resta l’uno e l’altro pone,
e l’uno e l’altro il traditor percuote.
L’un gli passa la pancia e ’l primo arcione,
e l’altro il viso per mezzo le gote.
Cosí n’andasser pur tutti i malvagi,
come a quei colpi n’andò Bertolagi.

14
     Marfisa con Ruggiero a questo segno
si muove, e non aspetta altra trombetta;
né prima rompe l’arrestato legno,
che tre, l’un dopo l’altro, in terra getta.
De l’asta di Ruggier fu il pagan degno,
che guidò gli altri, e uscí di vita in fretta;
e per quella medesima con lui
uno et un altro andò nei regni bui.

15
     Di qui nacque un error tra gli assaliti,
che lor causò lor ultima ruina.
Da un lato i Maganzesi esser traditi
credeansi da la squadra saracina;
da l’altro i Mori in tal modo feriti,
l’altra schiera chiamavano assassina:
e tra lor cominciar con fiera clade
a tirare archi e a menar lande e spade.