Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/321

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ventesimosesto 315


132
     Marfisa intanto si levò di terra,
e tutta ardendo di disdegno e d’ira,
credesi far la sua vendetta, et erra;
che troppo lungi il suo nimico mira.
Ruggier, ch’aver tal fin vede la guerra,
rugge come un leon, non che sospira.
Ben sanno che Frontino e Brigliadoro
giunger non ponno coi cavalli loro.

133
     Ruggier non vuol cessar fin che decisa
col re d’Algier non l’abbia del cavallo:
non vuol quietar il Tartaro Marfisa,
che provato a suo senno anco non hallo.
Lasciar la sua querela a questa guisa
parrebbe all’uno e all’altro troppo fallo.
Di commune parer disegno fassi
di chi offesi gli avea seguire i passi.

134
     Nel campo saracin li troveranno,
quando non possan ritrovarli prima;
che per levar l’assedio iti seranno,
prima che ’l re di Francia il tutto opprima.
Cosí dirittamente se ne vanno
dove averli a man salva fanno stima.
Giá non andò Ruggier cosí di botto,
che non facesse ai suoi compagni motto.

135
     Ruggier se ne ritorna ove in disparte
era il fratel de la sua donna bella,
e se gli proferisce in ogni parte
amico, per fortuna e buona e fella:
indi lo priega (e lo fa con bella arte)
che saluti in suo nome la sorella;
e questo cosí ben gli venne detto,
che né a lui diè né agli altri alcun sospetto.