Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/323

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ventesimosettimo 317


CANTO VENTESIMOSETTIMO


1
     Molti consigli de le donne sono
meglio improviso, ch’a pensarvi, usciti;
che questo è spezïale e proprio dono
fra tanti e tanti lor dal ciel largiti.
Ma può mal quel degli uomini esser buono,
che maturo discorso non aiti,
ove non s’abbia a ruminarvi sopra
speso alcun tempo e molto studio et opra.

2
     Parve, e non fu però buono il consiglio
di Malagigi, ancor che (come ho detto)
per questo di grandissimo periglio
liberassi il cugin suo Ricciardetto.
A levare indi Rodomonte e il figlio
del re Agrican, lo spirto avea constretto,
non avvertendo che sarebbon tratti
dove i cristian ne rimarrian disfatti.

3
     Ma se spazio a pensarvi avesse avuto,
creder si può che dato similmente
al suo cugino avria debito aiuto,
né fatto danno alla cristiana gente.
Commandare allo spirto avria potuto,
ch’alla via di levante o di ponente
sí dilungata avesse la donzella,
che non n’udisse Francia piú novella.