Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/341

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ventesimosettimo 335


72
     Inanzi Albracca glie l’avea Brunello
tolto di sotto quel medesmo giorno
ch’ad Angelica ancor tolse l’annello,
al conte Orlando Balisarda e ’l corno,
e la spada a Marfisa: et avea quello,
dopo che fece in Africa ritorno,
con Balisarda insieme a Ruggier dato,
il qual l’avea Frontin poi nominato.

73
     Quando conobbe non si apporre in fallo,
disse il Circasso, al re d’Algier rivolto:
— Sappi, signor, che questo è mio cavallo,
ch’ad Albracca di furto mi fu tolto.
Bene avrei testimoni da provallo;
ma perché son da noi lontani molto,
s’alcun lo niega, io gli vo’ sostenere
con l’arme in man le mie parole vere.

74
     Ben son contento, per la compagnia
in questi pochi dí stata fra noi,
che prestato il cavallo oggi ti sia,
ch’io veggo ben che senza far non puoi;
però con patto, se per cosa mia
e prestata da me conoscer vuoi:
altrimente d’averlo non far stima,
o se non lo combatti meco prima. —

75
     Rodomonte, del quale un piú orgoglioso
non ebbe mai tutto il mestier de l’arme;
al quale in esser forte e coraggioso
alcuno antico d’uguagliar non parme;
rispose:— Sacripante, ogn’altro ch’oso,
fuor che tu, fosse in tal modo a parlarme,
con suo mal si saria tosto avveduto
che meglio era per lui di nascer muto.