Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/353

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ventesimosettimo 347


120
     Perché fatto non ha l’alma Natura,
che senza te potesse nascer l’uomo,
come s’inesta per umana cura
l’un sopra l’altro il pero, il sorbo e’l pomo?
Ma quella non può far sempre a misura:
anzi, s’io vo’ guardar come io la nomo,
veggo che non può far cosa perfetta,
poi che Natura femina vien detta.

121
     Non siate però tumide e fastose,
donne, per dir che l’uom sia vostro figlio;
che de le spine ancor nascon le rose,
e d’una fetida erba nasce il giglio:
importune, superbe, dispettose,
prive d’amor, di fede e di consiglio,
temerarie, crudeli, inique, ingrate,
per pestilenzia eterna al mondo nate. —

122
     Con queste et altre et infinite appresso
querele il re di Sarza se ne giva,
or ragionando in un parlar sommesso,
quando in un suon che di lontan s’udiva,
in onta e in biasmo del femineo sesso:
e certo da ragion si dipartiva;
che per una o per due che trovi ree,
che cento buone sien creder si dee.

123
     Se ben di quante io n’abbia fin qui amate,
non n’abbia mai trovata una fedele,
perfide tutte io non vo’ dir né ingrate,
ma darne colpa al mio destin crudele.
Molte or ne sono, e piú giá ne son state,
che non dan causa ad uom che si querele:
ma mia fortuna vuol che s’una ria
ne sia tra cento, io di lei preda sia.