Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. III, 1928 – BEIC 1739118.djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
38 canto


 16
     Era in quel tempo in Tracia un cavalliero
estimato il miglior del mondo in arme,
il qual da piú d’un testimonio vero
di singular beltá sentí lodarme;
tal che spontaneamente fe’ pensiero
di volere il suo amor tutto donarme,
stimando meritar per suo valore,
che caro aver di lui dovessi il core.

 17
     In Lidia venne; e d’un laccio piú forte
vinto restò, poi che veduta m’ebbe.
Con gli altri cavallier si messe in corte
del padre mio, dove in gran fama crebbe.
L’alto valore e le piú d’una sorte
prodezze che mostrò, lungo sarebbe
a raccontarti, e il suo merto infinito,
quando egli avesse a piú grato uom servito.

 18
     Panfilia e Caria e il regno de’ Cilici
per opra di costui mio padre vinse;
che l’esercito mai contra i nimici,
se non quanto volea costui, non spinse.
Costui, poi che gli parve i benefici
suoi meritarlo, un dí col re si strinse
a domandargli in premio de le spoglie
tante arrecate, ch’io fossi sua moglie.

 19
     Fu repulso dal re, ch’in grande stato
maritar disegnava la figliuola,
non a costui che cavallier privato
altro non tien che la virtude sola:
e ’l padre mio troppo al guadagno dato,
e all’avarizia, d’ogni vizio scuola,
tanto apprezza costumi, o virtú ammira,
quanto l’asino fa il suon de la lira.