Pagina:Ariosto-Op.minori.1-(1857).djvu/458

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

canto quarto. 429

E in varî modi dimostrò l’amore
Che ai suoi portava; a chi con dignitade,
A chi con roba,* 1 a chi con altro onore:
A chi dona castella, a chi cittade;
E a varii mostra variamente il cuore,1
Con tal misura e tal provvedimento,
Che ognun di lui quel dì restò contento.

28 Mentre era questo* 2, nella regia sala
Si vide un messaggiero in fretta entrare,* 3
Quale era appena al sommo della scala,
Che Carlo il vide e a lui il fece andare:
Súbito quel li espose, come cala
Gualtier dal monte, e affretta il camminare,
Perchè inteso ha che Carlo è in gran periglio,
E di affrettarsi ha preso per consiglio.

29 — Con lui è Desiderio di Pavia,
Che al Sepulcro seguirti si dispone,
Con altri gran signori in compagnia;
E seco viene ancor papa Leone,2
Con cardinali e magna chierichia,
Per annullar la legge di Macone:
Tutti, signore, vengono a ajutarti,
E mi han mandato avanti ad avvisarti.—

30 Così disse il messaggio, e da poi tacque,
Per non passare del suo uffizio il segno.
A Carlo molto la novella piacque,
Per sua onoranza e sicurtà del regno:
Bench’i Pagani ormai sian messi all’acque,3
Pur temea ancor non li movesse a4 sdegno
A rifar testa e ritornare a drieto;
E con più gente, sta col cuor più quieto.

31 Iddio ringrazia, e per molto cattolico
Loda Leone allor sommo pontifice,


  1. Verso di soverchio alla stanza. — (A.-G.)
  2. Leone III. — (A.-G ) — Se non che taluno porrà qui mente all’abuso che poeti e romanzieri sempre fecero della storia; tra’ quali abusi il più grave nè il più pernicioso non è certamente quello di aver posto Carlo Magno e re Desiderio tra i crocesegnati.
  3. Cioè, ridotti a mal punto — (A.-G.)
  4. Questa particella è nel Manoscritto, ma (come sembra) per mero scorso di penna.
  1. * Chi cum offizi.
  2. * Mentre che questo.
  3. * Facea re Carlo, gionse un messaggiero.