Pagina:Atti del II Congresso Internazionale di Archeologia Cristiana.djvu/133

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di un cimitero sotterraneo dell'umbria 119


ziano, sullo stesso versante del poggio, ammirasi ancora la celeberrima Basilica del Salvatore, detta anche di S. Concordio e più modernamente del Crocifisso e del Cimitero1; meravigliosa costruzione del IV secolo, la quale sorse, in qnel tempo, sopra la tomba di un altro martire, Concordio, quivi precedentemente sepolto.

E sull'alto dello stesso poggio, si erge, tuttavia, una vetusta chiesa dedicata a S. Michele Arcangelo, la quale, nella sua fronte, serba memoria scolpita in una tavola di marmo, della dedicazione, avvenuta nei primi anni del quinto secolo, e dell’esistenza, quivi, di un fonte battesimale trasferito poi nel Duomo di Spoleto. Quella iscrizione2, certamente è assai tarda, ma il culto antichissimo al quale si riferisce, e

  1. Quasi non bastassero i titoli sotto i quali è conosciuta questa famosa basilica, alcuni ora la chiamano S. Agostino, perché... era ed è servita dagli Eremitani di S. Agostino! Di questa basilica hanno scritto, per dire soltanto dei maggiori, il de Rossi, l'Hübsch, il Mothes, il Rohault de Fleury, e ultimamente il Grisar. Manca, però, ancora, una illustrazione completa e definitiva. Raffaele Cattaneo, in una nota del suo libro: L'Architettura in Italia dal secolo VI al mille circa, Venezia, Ougania, 1889, pag. 135, attribuisce il merito della scoperta di tale edificio, veramente straordinario, all'Hübsch, uscendo, poi, a tal proposito, in parole amarissime contro gli Italiani. Tutto ciò non ha fondamento alcuno. Potrei citare, se volessi, una lunga serie di scrittori, non solo Italiani, ma Spoletini, i quali parlarono sempre, con la massima considerazione, di questo edificio, in opere di indole generale, mostrando di conoscerne il grande valore. E il Padre Bonaventura Viani, nel 1857, tre anni avanti alla pubblicazione dell'Hübsch, scrisse una dotta Memoria sulla Basilica di S. Salvatore di Spoleto, e la comunicò nello stesso anno all'Accademia Spoletina, la quale la dette alla luce nell'Annuario del 1860, dove occupa ben venti pagine di stampa!
  2. È incisa in una lastra di marmo bianco, inserita nella facciata della chiesa, a sinistra della porta maggiore. Il marmo misura m. 0,35 X 0.85 Sotto, in un altro pezzo di marmo bianco, è scolpita, di rilievo, una croce equilatera. L'iscrizione dice, esattamente, cosi:
    Atti del II Congresso Internazionale di Archeologia Cristiana (page 133 crop).jpg

    I caratteri sembrano della fine del XVI o del principio del XVII secolo. Fu pubblicata da Bernardino di Campello (Historie di Spoleti, Spoleto, Ricci, 1672, pag. 238); e dal Sansi (Degli edifici e dei frammenti storici delle antiche età di Spoleto, Foligno, Sgariglia, 1869, pag. 305). La più antica menzione che io ne conosca, è in un libretto manoscritto, presso di me, dell’anno 1643 intitolato: Elogia de Sanctis Ecclesiae Spoletinae a Seraphino Petri de Seraphinis Sacerdote spoletino edita, a pag. 7, nelle note alla vita di S. Concordio.

    Questa antica chiesa dedicata a S. Michele Arcangelo, citata già dal de Rossi (Bullett, 1871, pag. 146-47), e ultimamente dal Grisar (Civiltà Cattolica, 16 Giugno 1900, vol. X, pag. 721), appar-