Pagina:Balbo, Cesare – Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni, Vol. I, 1913 – BEIC 1740806.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
136 libro quinto

del regno. — Avvisatone Carlomagno, accorse dal Reno all’Alpi, discese una seconda volta in Italia [principio del 776], si volse contra il duca del Friuli piú scopertosi o piú pericoloso, lo vinse e fece morire, e prese parecchie cittá di lui. E allora dicesi distruggesse i ducati, ordinasse i conti; ma trovansi pur tra breve nomati duchi o marchesi non solamente del Friuli, di Spoleto e di Benevento, ma altri ancora; ondeché resta dubbio se l’ordinamento de’ comitati fosse o cosí subitano come è qui detto, o cosí costante poi in Italia come nell’interno di Francia. Ad ogni modo, del medesimo anno ei ripartí. — E quattro anni rimase fuor d’Italia, facendo tre imprese contro a’ sassoni, ed una in Ispagna. Alla quale, fra l’altre, andarono (come mille e piú anni appresso sotto Napoleone) parecchie schiere longobarde; ed onde tornando poi, toccò Carlo la famosa e sola sua rotta di Roncisvalle, e quella in cui cadde Rutlando, l’Orlando de’ romanzi, stavo per dire l’Orlando nostro, fattoci popolare da’ nostri poeti. — Ridiscese per la terza volta in Italia [a. 780]; e, lasciando in Francia suo figliuolo primogenito Carlo, condusse seco i due minori, Pipino che fece dal papa incoronare a re d’Italia, e Ludovico a re d’Aquitania. Erano fanciulli di quattro e due anni; ondeché, ciò non mutò nulla, ma accenna il principio del disegno di dividere i regni, e forse giá di far loro centro un imperatore. Né si fermò guari in Italia. N’uscí del 781. — Fece poi quattro altre imprese successive contro a’ sassoni; i quali, martellati cosí, parvero pacificarsi, e si fecero battezzar molti, e fra gli altri Vitikindo lor duca, il gran propugnatore di loro indipendenza. — E allora, ornato di nuova gloria, di quella che piú rifulge nel corso de’ secoli cristiani, che meglio ne segna i progressi, e che, rarissima ne’ tempi da noi qui corsi, è forse troppo poco cercata negli stessi nostri, in che sarebbe tanto piú facile; ornato, dico, della gloria di propagatore della cristianitá, Carlo veramente magno ridiscese al centro di questa, a Italia per la quarta volta [a. 786]. E qui fece un’impresa contro al duca di Benevento non assoggettato per anco, e l’assoggettò; ma lasciògli intiero il ducato, e la soggezione non fu durevole né mai compiuta. I duchi longobardi