Pagina:Balbo, Cesare – Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni, Vol. I, 1913 – BEIC 1740806.djvu/151

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

della signoria degli imperatori e re 145

peccati di lor grand’avi: cosí Carlo il grosso quelli di Carlomagno. Ito Carlo a Francia nell’885, poi a Germania, gli è rapita Francia da Odone conte di Parigi, e Germania da Arnolfo duca di Carintia e bastardo di Carlomanno, nell’887; ed egli muore poi, naturalmente, o strozzato, in gennaio 888. Allora levasi ultima Italia; e di febbraio è incoronato re in Milano Berengario duca o marchese del Friuli, figlio di Gisela figlia di Ludovico il bonario. Cosí trovansi ridivise, ricostituite Francia, Germania e Italia; la prima per sempre fino a’ nostri dí; le due altre a rimescolarsi e impedirsi e nuocersi finora a vicenda. Qual secolo, qual confusione, quale storia, ci si conceda ripeter qui, come giá al tempo degli strazi dell’antico e vero imperio romano!

7. Berengario I, Guido, Lamberto, Arnolfo, Ludovico, Rodolfo [888-924]. — Eppure, per noi, tutto ciò diventa anche peggiore e piú brutto. Questa era senza dubbio una grande occasione d’indipendenza, come all’altre, cosí alla nazione italiana. Se non che questa era men nazione che l’altre; non solamente, come l’altre contemporanee e feodali, non avea popolo formato né potente, ma nemmeno feodalitá nazionale. Que’ conti, marchesi o duchi (a cui fu aureo questo secolo, ferreo per ogni altro) erano almeno in Francia francesi, in Germania tedeschi; ma erano in Italia francesi o tedeschi di nascita o d’aderenze; ondeché l’Italia non italiana incominciò allora a dividersi in quelle parti francese e tedesca, che duraron d’allora in poi e dureranno fin tanto che l’indipendenza compiuta non c’insegni a usar le nazioni straniere come alleate straniere e non come capiparti nazionali. Se qualunque di questi principi stranieri avesse saputo staccarsi dall’aderenze straniere e farsi italiano, egli e i suoi nipoti avrebbero probabilmente regnato a lungo sull’Italia; o rimarrebbero almeno benedetti nella memoria degli italiani. Ma, perché a costoro, come a tanti poi, parve piú facile accettare un aiuto bell’e fatto da fuori, che non farsene uno addentro col buon governo e colla virtú, perciò non poser radice nella nazione, perciò ebbero a moltiplicare, a mutar ricorsi, e cosí s’avvilirono nell’opinione e nella realtá; e