Pagina:Balbo, Cesare – Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni, Vol. I, 1913 – BEIC 1740806.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
146 libro quinto

l’avvilimento li fece crudeli, scempi, perduti di vizi essi e lor donne, corrotti insomma e disprezzati in quella stessa corrottissima etá. Alcuni de’ papi del secolo scorso aveano, è vero, dato esempio di questi ricorsi stranieri; ma quelli n’avean dato uno, e questi ne dieder molti; quelli l’avean dato contro altri stranieri greci o longobardi, e questi li diedero contro nazionali e compagni di potenza; quelli poi avean pur dati molti esempi di appoggiarsi alla nazione, alle cittá, data a molte cittá l’indipendenza, e questi non la diedero; ondeché dee far meraviglia, che si accumulino gl’impropèri a que’ papi, e si risparmino a questi principi italiani, i quali anzi talor si lodano o compatiscono quasi vittime, di quella dipendenza di che furono strumenti od autori. Non compatiamo mai i potenti, che mal usarono la potenza. E sopratutto poi, giustizia eguale per tutti. — I tre duchi potentissimi fin da’ longobardi, Friuli, Spoleto e Benevento, eran rimasti tali sotto a’ Carolingi. Ma staccato l’ultimo oramai dal regno ed occupato contro alle cittá greche, Napoli, Amalfi, ecc., restavan dunque principali nel regno longobardo o d’Italia, i duchi del Friuli e di Spoleto. Duca del Friuli era quel Berengario affine de’ Carolingi che prese la corona d’Italia fin dal febbraio 888, ma che dicesi l’avvilisse subito riconoscendola feodalmente da Arnolfo re di Germania. E duca di Spoleto era Guido; pur affine, dicesi (ma si disputa come), de’ Carolingi. Questi tentò prima la corona di Francia e andovvi; ma respintone, tornò tra noi con aiuti francesi. S’impadroni dell’occidente, e mosse contro a Berengario forte all’oriente. Combatterono a Brescia [888], ricombatterono sulla Trebbia [889]; e vinto allora Berengario, si ridusse intorno a Verona, mentre Guido si fece incoronar re in Pavia, e quindi imperatore in Roma [891], e s’aggiunse all’imperio suo figliuolo Lamberto [892]. — Ma Arnolfo il re tedesco, signore del re italiano Berengario, mandava in aiuto a costui suo figliuolo Sventebaldo [893]; e scendeva egli poi con Berengario ito a sollecitarlo. Prendeva Bergamo; uccideva, prendeva o mutava conti e marchesi; e facevasi incoronar esso re d’Italia; a ragione, io direi, poiché era signor del