Pagina:Balbo, Cesare – Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni, Vol. I, 1913 – BEIC 1740806.djvu/264

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
258 libro sesto

lasciò morendo nel 1409 a suo padre Martino il vecchio, che fu cosí re d’Aragona e Sicilia. Il quale morto poi senza figliuoli [1410], e cosí spenta in lui l’antica schiatta d’Aragona, disputossi la successione e passò a Ferdinando principe di Castiglia [1412]. Non ci possiam fermare a tutti questi, mediocri per sé e per potenza, e che, tranne alcune contese e piccole guerre con gli Angioini di Napoli, non importarono nelle vicende d’Italia.

27. Piemonte. Casa Savoia. Amedeo VIII [1100-1434]. — Ma qui è d’uopo lasciar l’Italia meridionale, e volgerci a quell’angolo occidentale in cui scriviamo, e che pur trascurammo fin dal principio della presente etá, fin dalle origini italiane della casa di Savoia. Dicemmo Odone conte di Morienna e d’altri feudi oltre Alpi, ed Adelaide contessa di Torino e d’altre cittá e feudi in Piemonte, stipiti di quella famiglia, a cui alcuni cercano una antichitá italiana ulteriore, a cui può bastar questa di otto secoli, superior cosí di sette a quelle di ogni altro principe italiano presente, salvo i papi. Al tempo di Adelaide era stata nell’Italia occidentale un’altra casa molto potente, quella d’un conte Aleramo signoreggiante negli Appennini dalla sponda destra del Po fino a Savona. Alla morte di Adelaide [1091], la successione di lei fu disputata, straziata, tra Umberto II Savoiardo, figlio di suo figlio; Bonifazio conte di Savona, figlio di una figlia d’un altro suo figlio; Corrado di Franconia, figlio di Berta sua figlia, l’infelice moglie che vedemmo dello scellerato Arrigo IV imperatore; e soprattutto poi dalle cittá che appunto allora vedemmo costituirsi in comuni. Quindi Umberto II e i Savoiardi primi successori di lui furono ridotti a poco piú che Savoia e i comitati oltremontani; e le famiglie Aleramiche, tra cui principali quelle di Monferrato in mezzo agli Appennini, e di Saluzzo tra l’Alpi ai fonti del Po, divisero l’Italia occidentale con le cittá liberatesi, Torino, Chieri, Asti, Vercelli, Novara, e, quando fu fondata, Alessandria. I Savoiardi scendevano, potevano secondo le occasioni, in Torino e l’altre; e quando non potevano qui, s’estendevano all’intorno di Savoia, in Elvezia, in Francia; ovvero guerreggiavan piú lungi, alla ventura,