Pagina:Balbo, Cesare – Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni, Vol. I, 1913 – BEIC 1740806.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

de’ popoli primitivi 23

marina; gli olumbri tra l’Appennino. Né faccia specie questa divisione in tre, cosí costante tra’ popoli italici: si ritrova in ben altri; in quasi tutti quelli del globo, principalmente nei giapetici.

4. Tempo, ordine di queste tre immigrazioni primarie [anni 2600 circa-1600 circa]. — Tuttociò nel millenio dall’anno 2600 al 1600, approssimativamente. La prima di quest’epoche ci è data con gran probabilitá dal trovar incontrastabilmente popolate giá allora non soltanto l’Egitto e l’India piú vicine, ma anche la Cina piú discosta che non le terre nostre dalla culla comune; la seconda con piú certezza, dal trovar allora incontrastabili qui tutte tre le grandi schiatte e le suddivisioni accennate. — Piú dubbio può rimanere sull’ordine delle tre immigrazioni tirrena, iberica, umbra. Ma i tirreni si trovan dapertutto, gli iberici nella metá piú lontana dal punto d’arrivo, gli umbri piú vicini, e i tirreni sparsi, soggetti tra gl’iberici e gli umbri; ondeché par probabile l’ordine detto: venuti primi i tirreni; poi gl’iberici e gli umbri insieme, ovvero secondi gli iberici e terzi gli umbri. Ad ogni modo, queste tre immigrazioni precedettero senza dubbio le altre, si trovano stanziate quando avvennero l’altre, e si possono quindi dir primarie.

5. I pelasgi; immigrazioni secondarie [1600 c.-1150 c.]. — Durante quel millenio [intorno al 1900] una serie d’immigrazioni marittime succedettersi in Grecia, e furono secondo ogni probabilitá principalmente di semiti. Venner cacciati probabilmente d’Egitto, di Palestina o Fenicia; e col nome di pelasgi o phalesgi, che in lor lingua suonava «dispersi» o «raminghi», si sovrapposero colá ai ioni primitivi, occuparono e nomaron da essi Pelasgia la penisola meridionale, salirono alla media, ed in Tessaglia. Regnarono, guerreggiarono, sacerdotarono, incivilirono dapertutto. De’ ioni vinti, parte migrarono probabilmente, e son forse quelli veduti; parte rimasero, o sudditi, o rifuggiti a’ monti, e furono gli elisi o elleni. Ridiscesero questi, o si sollevarono guidati da Deucalione ed altri eroi; e, combattuta una lunga guerra d’indipendenza, di cui l’ultima gran fazione fu la distruzione della pelasgica Troia intorno al 1150, cacciarono dal suolo patrio gli stranieri pelasgi, ridotti cosí a nuovo errare. — I piú