Pagina:Balbo, Cesare – Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni, Vol. I, 1913 – BEIC 1740806.djvu/95

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

degli imperatori romani 89


e lasciarla di marmi. E in Gallia, in Ispagna e nell’estrema Africa, quasi come in Italia, si trovan resti da far meravigliare quanto se n’empissero le cittá e le terre. Il fatto sta (e credo sia da notare per l’avvenire dell’arti italiane che dovrebbon essere provveditrici al mondo moderno), che l’ornamento dell’arti diventa un bisogno in tutte le civiltá molto avanzate. Ancora, a tutte queste province fu estesa dagli imperatori la rete delle strade romane. Tutto ciò fino agli Antonini. Ma arti ed opere pubbliche furono neglette nel secolo delle contese e de’ moltiplici imperatori; e giá colle lettere si trovano l’arti molto corrotte sotto Diocleziano e Costantino, e corrottissime poi al cader dell’imperio. I barbari sopravegnenti non trovarono della coltura antica nulla da corrompere; tutt’al piú, resti da disperdere.

17. Coltura nuova, cristiana. — Fu tutt’all’incontro nella nuova coltura generata, vivificata, spinta innanzi dalla religione, dall’operositá cristiana. Qui sí, abbondavano i soggetti reali, belli, grandi, incalzanti. — Ma, né religiosamente né letterariamente parlando, non oserem nominare come parti o frutti di tal coltura i Vangeli, gli Atti o le lettere degli apostoli. Ivi la semplicitá è piú che aurea, o del secolo d’Augusto; ivi i pensieri spirituali ed anche temporali, ivi l’altezza e l’ampiezza dei giudizi e delle previsioni morali, ed anche storiche e politiche, sono tali, che a chiunque vi s’interni spregiudicatamente, sará impossibile non vedere, per cosí dire, materialmente la sopranaturalitá, l’onniveggenza, la ispirazione divina di quelle scritture. Compatibili al paragone di noi sono coloro che non le videro, ne’ secoli precedenti. Ma in questo nostro cosí inoltrato nell’adempimento di tanti destini umani e cristiani, predetti lá da per tutto (principalmente nelle predicazioni di Gesú Cristo e nelle Epistole di san Paolo), e che non si potevan pure naturalmente prevedere allora, io non so come possiamo leggere quelle scritture senza esser compresi di meraviglia e quasi di spavento, senza sentirci quasi in presenza materiale di quella inevitabile sopranaturalitá, di quella rivelazione. E quindi non frutti, ma semi diremo questi della coltura cristiana; la quale poi in realtá si trova tutta derivata da essi. — Greci tutti dapprima, latini molti poi degli