Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/244

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 236 —


a riposare; e dopo una gita cosiffatta, è bene che riposiate tranquillamente....

— A poterlo! — interruppi.

— Dovete poterlo! Lo voglio; — soggiunse, con un piglio d’imperatrice. — E poi, anche voi ci avrete qualche lettera da scrivere; a vostro padre, per esempio, a vostro padre che dite di amar tanto. Una lettera fa tanto piacere a riceverla.... e costa così poco a scriverla!

— Avete ragione; scriverò. Ma guardate; c’è una seconda corsa nel mattino. Eccola qua; alle sei e venti; e se posso dormire, scrivere e venire con quella, mi pare....

— No; dopo aver scritto, farete colazione.

— Oh! — esclamai, torcendo il viso.

— Come? E non siete voi che dite....

— Sì, lo so. Infine, vi contenterò anche in questo. Ma non si può star sempre a ta-