Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.2, Milano, Treves, 1906.djvu/127

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 123 —


Priamar. Si rizzò in piedi, con piglio di regale alterezza; ed egli del pari si alzò dalla scranna, ma calmo e sicuro, guardandola fissamente, come un giudice il reo. Lilla vide allora quel volto severo, vi lesse in un’occhiata tutto il suo passato fatto palese; nè potendo sostenere la lotta, nè reggersi più oltre, ricadde, come sfinita da quello sforzo supremo.

Era stato un baleno; ma in quel baleno si era rischiarata ogni cosa tra i due.

Bonaventura si assise a sua volta. Un silenzio sepolcrale regnava nel salotto, lasciando udire i tocchi ricisi dell’orologio a pendolo, che dall’alto del camino veniva numerando con monotono metro i minuti secondi di quella pausa solenne.

Lo Spagnuolo squadrava Lilla con occhi torvi, che le avrebbero fatto sgomento, se ella avesse levata la fronte a guardarlo. Ma ella teneva il viso rivolto a terra, e le palpebre chiuse; nella sua mente era una confusione d’immagini che il martellare del sangue alle tempie agitava senza posa; le fischiavano gli orecchi; il lieve suono del suo respiro interrotto le giungeva mutato in un sordo rumore. E quando la voce di Bonaventura si fece udire da capo, parve a lei che venisse com’eco da luogo lontano, fors’anche dal passato, che è lontananza di tempo.

— Ricordo — disse dopo una lunga pausa lo Spagnuolo, con un accento solenne da cui trapelava l’amarezza dell’animo — che or fanno trent’anni era in Genova un uomo fieramente innamorato di Lilla Lercari. Quell’uomo era giovane allora, ma d’animo fatto; e in lei, a mala pena uscita d’infanzia, aveva presentito un miracolo di bellezza e di grazia. Lo ricordate, marchesa, quell’uomo? Lilla, quando ebbe la prima volta a vederlo, esclamò con fanciullesca sincerità: «che giovane vecchio!» E diceva il vero, e il giovane vecchio sorrise, scusandola amorevolmente presso i parenti, che la riprendevano di quella scappata infantile. Egli era giovine d’anni, ma vecchio d’esperienza; egli commise in vita sua un errore soltanto; e fu quello d’invaghirsi di Lilla, di credere che ella avrebbe potuto un giorno esser sua, e di darle intanto, consapevolmente e pur ciecamente, tutto sè stesso. Ciò avviene alle anime virili, sperimentate alle battaglie della vita, assai più facilmente ch’altri non creda. —

Così dicendo, trasse un sospiro, se pure non è più acconcio chiamarlo un ringhio; indi proseguì:

— Quando il cuore di Lilla si schiuse all’amore, non fu