Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.2, Milano, Treves, 1906.djvu/177

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


sfuriata; quando s’udì la voce del garzone che gridava dal basso:

- Principale! principale!

- Che c’è? - dimandò il legnaiuolo, andando in fretta ad alzare il saliscendi.

- Due signori che vi vogliono quaggiù, - rispose il garzone.

- Ma se lo dicevo io, che non avrebbero tardato! - esclamò Pasquale, rasserenandosi a un tratto. - E non sapevano mica che io dovessi spicciarmi così presto lassù. Ero una bestia io, e un pochino anche voi, Tecla, colle vostre intemerate.

- Grazie del complimento!

E qui mastro Pasquale, fattosi tutto zucchero, si avvicinò per farle una carezza. Ma Tecla gli rispose con una alzata di spalle.

- Vedete che grazietta! - disse il vecchio legnaiuolo tra sè, in quella che scendeva le scale. - Se la mi avesse fatto sempre così, non ci sarebbero quattro mangiapani di più, senza contarne altri due, che, poveretti, mangiano quello degli angioli. Basta, pigliamo quello che Domineddio ci ha mandato. -

Con questa chiusa filosofica, mastro Pasquale giunse in bottega, dov’era Michele ad attenderlo, e con Michele quell’altro delle gazzette come lo chiamava il legnaiuolo, e che era (i lettori l’hanno capita da un pezzo) il nostro bravo Giuliani.

- Buon giorno e buona sera, Pasquale! - disse il nostro Michele a mala pena ebbe veduto il legnaiuolo. - Passavamo da queste parti, e siamo entrati a vedere se per caso foste già di ritorno.

- Diffatti eccomi; quest’oggi mi sono sbrigato più presto.

- Orbene? - gli chiese il Giuliani.

- Ho fatto ogni cosa.

- Da Senno?

- Sì; - disse Pasquale; - la ci ha avuto il foglio, e l’ha subito letto.

- Da bravo, raccontateci come.

- Volentieri; ma prima di tutto si accomodi. E tu che fai costì ritto, a bocca aperta, bighellone? -

Quest’ultima frase, già i lettori indovinano, era rivolta al garzone, che vedendo quei personaggi a colloquio col suo principale, si era ficcato dentro anche lui, per esser quarto tra cotanto senno.