Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.2, Milano, Treves, 1906.djvu/261

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


queste malinconie me le tengo nel gozzo, per non scemare il mio pregio dinanzi ai profani. Quello che io sono fa gola a molti, ripeto; ce n’è dunque d’avanzo. Ne cerchi un altro, la Giulia; non lo trova, salvo il caso che a te non salti in mente di farle la corte. La qual cosa tu non farai, perchè mi vuoi bene.... -

Aloise gli rispose con un gesto di volenteroso diniego.

- Grazie! - proseguì allegramente Enrico. - Io dunque tiro innanzi. Ella mi ama, me ne sono avveduto; anzi lo so, e potrei dirti....

- Di’ pure; domani io non me ne ricorderò più; - soggiunse Aloise, con un suo risolino sottile.

- Ah, bada, - ripigliò il Pietrasanta. - Tu mi metterai al punto di raccontarti posdimani ogni cosa da capo. Con te non voglio avere segreti. Non mi hai tu confidate le tue pene, quando eri innamorato della Ginevra? E perchè ti amo tanto io, se non perchè sei un gentiluomo più di noi tutti? A qualcuno bisogna pur dire ciò che si sente, quando si è sventurati; figuriamoci poi quando si è felici! -

Aloise trasse un sospiro; ma il Pietrasanta, tutto nel suo racconto com’era, non gli pose mente.

- L’amo, - diss’egli con enfasi, - l’ho confessato a lei, e s’è messa a ridere, ma mi ha lasciato baciar la sua mano. -

E qui, poichè aveva preso l’aire, il festevole giovinotto raccontò la sua conversazione colla Giulia, ed altre parecchie tenute di poi, che ai lettori non farebbero nè caldo nè freddo, e che le lettrici, non ci domanderanno, poichè, cortesi come sono, avranno esaudita la preghiera posta in fronte a questo capitolo. Enrico Pietrasanta, come è noto fin da principio, e come s’è visto poc’anzi, aveva assai sciolto lo scilinguagnolo; Aloise era l’unico suo confidente, al quale gli tornava grato dir questo, ed altro ancora, se ne avesse avuto; laonde, si può argomentare che se ne pigliasse una vera satolla.

- Ora, aspetto che caschi, - diss’egli conchiudendo, - e cascherà certamente.

- Perchè? - dimandò Aloise.

- Perchè! oh bella! perchè sono forte.

- Forte! forte, con una donna che si ami?

- E dàlli! ma io l’amo in quel tal modo che già t’ho detto, e senza perdere il lume della ragione, come chi so dir io. Non cascherà? Stia ritta a sua posta, e arrivederci nella valle di Giosafat! Ella mi va a genio, lo sai; ma tienti