Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.2, Milano, Treves, 1906.djvu/330

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



- Sì, padre mio. Tanto, la vita oziosa non m’è andata mai. Mettiamoci di buon animo a servire la patria.... fuor della patria. Ma bada, con una restrizione.

- Quale?

- Siamo forse alla vigilia di grandi cose. L’hai detto anche tu. Si sente odor di polvere nell’aria. Se scoppiasse una guerra?...

- Ora?

- Non ora, che entriamo nell’inverno; ma nella prossima primavera, perchè no? E ti pare che io debba mettermi al tirocinio della diplomazia, mentre gli amici farebbero ben altro uso del tempo loro? il Salvani, ad esempio, ripigliando la spada, come capitano di Garibaldi, e il Pietrasanta entrando volontario in un reggimento di cavalleria? Son genovese, diceva egli per l’appunto, un giorno che si parlava di guerra possibile; cadrà dunque su Genova Cavalleria la mia scelta. Il duca di Feira stette pensoso un istante; poi, disse, con accento solenne:

- A questo sacrifizio il mio cuore si adatta. Tanto più, - soggiunse egli, rizzando la testa, - che son forte abbastanza per fare qualche cosa ancor io.

- E allora, qua la mano, camerata, - osò dire Aloise. Ma non osò stender la mano; bensì, con atto di devozione filiale, chinò la fronte sul petto del duca.


XXXVI.

Come fosse guarito Aloise di Montalto della sua pena di cuore

Il ritorno del duca di Feira e del giovine Aloise in patria, segna il termine, o quasi, del nostro racconto. Laonde, per non avere ad indugiarci poi con taluni personaggi minori, intorno ai quali il lettore vorrà essere debitamente informato, diciamone fin d’ora quel tanto che può essere necessario.

Vive ancora il banchiere Vitali? Sì, vive, ma della vita «di chi doman morrà»; il che significa, ridotto in povera prosa, che il vecchio peccatore è sulle ventitrè ore e tre quarti. Lo assiste il Collini, tenendolo su a forza di espedienti. E non già perchè speri di far mettere il suo nome in luogo di quello del morto Bonaventura, nel testamento dell’infermo. Il nuovo testamento e già fatto, e pel Collini c’è soltanto un