Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.2, Milano, Treves, 1906.djvu/342

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


catastrofe, accorsero i padrini per rialzare il ferito. Il Cigàla era rimasto attonito, esterrefatto; guardava il caduto con aria smarrita, e guardava la punta della sua spada, senza intendere per qual modo fosse tinta di sangue.

- Un suicidio! - esclamò sommesso il Mattei, mentre, inginocchiato al fianco di Aloise si disponeva a visitar la ferita.

- No; - rispose sollecitamente il giovine; - avevo troppo spinta l’azione, e mi sono infilzato. Cigàla, - aggiunse poscia stendendo la mano a quell’altro, che s’accostò a lui più morto che vivo, - senza rancore!

- Oh, Aloise! - gridò quegli, dando in uno scoppio di pianto, - dimmi che non sono stato io!

Aloise gli strinse la mano.

- Io te lo giuro, - proseguì l’altro, prostrato daccanto a lui, - te lo giuro per l’anima di mia madre, tu ti sei ingannato! Sentimi, Aloise, tu risanerai; il cielo ci concederà questa grazia. Vedrai allora il tuo povero amico, se meritasse un sospetto. Oh, io attendo ora, invoco una guerra sollecita, e una palla d’Austriaco, che mi tolga il rimorso. -

Fu un vaticinio; cinque mesi dopo, il Cigàla, valoroso cavaliere, dava la vita nell’ultima carica di Montebello.

- Chiedo un po’ di silenzio! - disse il Mattei, che stava continuando la sua esplorazione chirurgica.

Ed aggiunse anco un’occhiata eloquente al Morandi e al Riario. Questi si avvicinarono al Cigàla, e lo trassero, sebbene riluttante, fuori del campo.

Rimasto solo coi medici e co’ suoi padrini, Aloise rivolse la parola al Mattei.

- Orbene; - diss’egli a mezza voce, - e quel filosofo greco?

- Che dite voi? - chiese il medico.

- Sì, - continuò il ferito, - l’enfisema!

Il Mattei stette mutolo, ma non gli venne fatto reprimere un sospiro. L’uomo dell’arte aveva riconosciuto come la ferita fosse profonda pur troppo, e come il ferro del Cigàla avesse dovuto penetrare obliquamente fino al pericardio e all’orecchietta destra del cuore. Questo gli dicevano le sue esplorazioni, questo gli era confermato dal pallore estremo del volto, dal respiro che cominciava a farsi affannoso.

- Tanto meglio! - disse allora Aloise. - Debbo dir due parole al Pietrasanta, al Giuliani. Amici miei, vi ho fatto un tristo regalo. Perdonate! A che gioverebbe l’amicizia, se non potessimo fare assegnamento sovr’essa pel nostro bisogno?