Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.2, Milano, Treves, 1906.djvu/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 53 —


esser l’ora del pranzo. E qui Aloise fu sollecito ad offrire il suo braccio alla Ginevra; il marchese Antoniotto alla Maddalena; laddove ad Enrico Pietrasanta fu preso, più ch’egli non l’offrisse a lei, dalla vezzosa Giulia, che si avviava con lui, come i lettori discreti hanno già inteso, in quelle amene regioni del Tenero, che ci lasciò descritte, nella sua famosa carta, madamigella di Scudéry.

La faccenda del pranzo occupò due ore buone. Il Pietrasanta, seduto lontano da Aloise, aveva un bel saettarlo d’occhiate; Aloise era tutto nei discorsi di Ginevra, e non poteva badare a lui. Le occhiate, d’altra parte, se bastano talvolta a significare un sentimento, un affetto, non giungono mai ad esprimere un ragionamento.

Per pochi minuti, quando si furono alzati e la consuetudine li ebbe condotti in giardino, Enrico potè finalmente tirare in disparte Aloise. Ma il loro dialogo era a mala pena cominciato, che le dame inoltrandosi da quella banda, vennero a rompergli il filo.

— Voi siete un guastafeste, Pietrasanta; — disse la Ginevra, con un accento che imparadisò il giovine Aloise; — le dame escono a passeggio; e voi rapite loro i cavalieri.

— Perdonatemi, signora; parlavo ad Aloise di un mio negozio piuttosto grave....

— Parlatene a me! — entrò a dire la Giulia. — Le donne ci hanno spesso di buoni consigli in serbo. —

E prese, come aveva già fatto da prima, il braccio di Enrico. Ed egli, che non era sant’Antonio, cedette a quella dolce violenza.

Qui certamente era da scorgersi un deliberato proposito delle signore. La Giulia voleva far ricredere il Pietrasanta di tutte le sue chiacchiere contro l’amore, e questo era facile ad immaginarsi. Ma Ginevra! Che cosa pensava Ginevra? Ella mirava a trattenere Aloise, ed anche questo s’intendeva facilmente. Ma perchè? Voleva forse fare ammenda con lui della sua solita severità? O non era che un capriccio di donna, che aveva notato un segreto tra i due giovani, e s’impuntava a tenerli divisi? O c’era ad un tempo dell’una cosa e dell’altra?

Comunque fosse, la fine fu questa, che suonarono le undici di sera e il Pietrasanta non aveva anche potuto ragionare da solo a solo coll’amico. E bisogna poi dire che ad una cert’ora della sera, il nostro diplomatico aveva fatto di necessità virtù, e tra per le difficoltà moltiplicatesi intorno a lui e i rapimenti di una conversazione geniale, s’era adattato