Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.2, Milano, Treves, 1906.djvu/65

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 61 —


gambe dei sergenti, degli uscieri, e, a farla breve, di chiunque avesse qualchedun altro sopra di sè, nella gerarchia degli uffizi. Gran lavoro, troppo lavoro, per un ultimo giorno di trimestre!

Quella mattina, di sicuro, l’assessore capo non dava udienza ad ogni sorta di gente. E già alla dimanda dei tre amici, l’usciere aveva risposto, con breviloquenza spartana: «occupato.» Ma essi, tenaci, cavarono fuori i loro biglietti di visita, e dissero all’usciere che avrebbero aspettato risposta. E l’usciere, veduti tre nomi accompagnati da tre stemmi (perchè l’Assereto, quantunque non la pretendesse a marchese, conosceva le prerogative del suo casato), si persuase che quei signori francassero la spesa dell’ambasciata. Nè s’ingannava. Un minuto dopo, tornava frettoloso in anticamera, per sollevare rispettosamente la portiera, e dire ai tre visitatori: «Il signor Cavaliere li prega di entrare.»

Il signor Cavaliere era un uomo di quarantacinque anni, o in quel torno, da’ capegli brizzolati, che portava sempre tagliati alla radice, e dal volto affatto ignudo, il quale lasciava scorgere in tutta la loro bellezza le cento grinze di un sorriso, che vi era come stereotipato, ed aiutava alla sua nominanza d’uomo piacevole e di belle maniere. Aveva fama altresì d’uomo avveduto; ma in quei giorni era stato ad un pelo di perderla, e quella mattina ancora egli non era ben certo di non aversela guastata davvero. Però il sorriso stereotipo del suo volto arieggiava la smorfia, e il saluto ch’egli fece ai tre signori era a mala pena quel tanto che occorreva, per istare alle buone creanze. Gli atti, poi, volevano dire assai chiaramente: «Signori, è proprio per le vostre pergamene che vi ho fatto entrare; sbrigatevi!»

— Signor cavaliere, — incominciò Aloise, — la cagione che ci conduce da Lei è molto grave, e forse Ella, ne’ momenti in cui siamo, non crederà opportuno di darci le informazioni che siamo venuti per chiederle.

— Dica, ad ogni modo, signor marchese, e dove io possa.... senza nocumento....

— Una perquisizione, — proseguì Aloise, — è stata fatta iersera in casa di Lorenzo Salvani....

— Salvani! La scusi, — interruppe l’assessore, — conosco questo nome. Non sarebbe, per avventura quello di un signore che ebbe un duello con Lei?

— Per l’appunto, e di presente amicissimo mio. Ora, nella perquisizione fatta iersera in sua casa....

— Perquisizione! — esclamò il magistrato, stringendosi