Pagina:Barrili - La legge Oppia, Genova, Andrea Moretti, 1873.djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto terzo 115

Fulvia

(avvicinandosi)

Che durerà ancor meno di questa.

Catone

Ah, sei tu? sei tu, che hai stregato Valerio? Quel Valerio! Una perla!

(Valerio apparisce dal fondo)

Ma almeno tu non hai profittato della abrogazione; sei vestita come prima.

Fulvia

(guardando Valerio che si avvicina)

Mi ha trovato bella così; rimarrò dunque così.

SCENA IX.

Valerio, indi Fundanio e Detti.

Valerio

(S’accosta timidamente. Annia Luscina, Marzia Atinia, Volusia, Claudia Valeria, vorrebbero farglisi incontro festose; ma egli le prega col gesto di rimanersi, e va a mettersi dall’altro lato di Catone)

Catone

Ah, ti trova bella? Ma io gliene caverò il ruzzo, a quel....

Valerio

Taci, te ne prego, padre mio; imperocchè io come padre t’amo e ti venero. Fui contro te; ma potevo io resistere? Tu stesso, qualche anno addietro,